Vendesi Scartoffie (prezzo modico)

Dal primo Luglio 2009, l’attestato di certificazione energetica (ACE) è obbligatorio per tutti gli edifici che vengono venduti o ceduti in affitto.

L’obiettivo della normativa è rendere l’acquirente o il locatario di un immobile cosciente delle “prestazioni energetiche” del proprio edificio, nel tentativo di creare una coscienza critica grazie alla quale la scelta di un immobile dovrebbe essere influenzata anche da considerazioni legate ai reali consumi imputabili al riscaldamento, al raffrescamento o alla produzione di acqua calda sanitaria.

Così come si predilige un frigorifero di classe A per i suoi ridotti consumi energetici, sarebbe quindi opportuno valutare l’acquisto di edifici la cui classe energetica, attestata dall’ACE, sia la più alta possibile.

Un altro aspetto interessante, in linea con l’obiettivo precedente, è l’obbligatorietà per il certificatore di suggerire nella redazione dell’attestato una serie di interventi per la riduzione dei consumi energetici (miglioramento della coibentazione dell’edificio, installazione di collettori solari, etc.), in forma di analisi costi-benefici.

Per usare una terminologia medica: diagnosi e prescrizioni energetiche realizzate da un tecnico competente, nella speranza di ridurre i consumi e incentivare investimenti nell’abito del risparmio energetico… quello che da tempo come EquiWatt cerchiamo di portare avanti.

Fin qui tutto bene… Ma come è stata recepita nella prassi questa norma?

Salvo qualche regione che ha legiferato in materia, praticamente tutti gli iscritti agli albi di Ingegneri e Architetti, insieme a geometri abilitati, possono redigere, senza comprovate competenze, un Attestato di Certificazione Energetica.

La domanda consistente (immaginate quanti appartamenti al giorno vengono venduti o ceduti in affitto solo nel comune di Roma…) e la possibilità di facili guadagni in tempi di crisi generalizzata ha innescato la classica guerra fra poveri.

Risultato?

Incredibili offerte al ribasso, fiorire improvviso di portali web settoriali, associazioni di lobby… fino all’inverosimile: da qualche mese è possibile acquistare su groupon un ACE per il proprio appartamento a sole 35€.

Noi conosciamo bene quali sono le pratiche minime per redigere seriamente un ACE, l’importanza di effettuare un sopralluogo dettagliato, la cura con la quale presentare le raccomandazioni per gli interventi di risparmio energetico e la loro analisi costi-benefici. Chi si offre a quel prezzo deve necessariamente tagliare qualcosa, penalizzare la rispondenza dell’analisi alla realtà, compilando l’attestato senza muoversi dalla propria scrivania ma basandosi sui pochi dati richiesti al cliente.

Le reazioni in rete sono state molto deboli e orientate più a preservare i privilegi del lavoro dell’ingegnere (leggasi alte tariffe professionali) che a difendere lo spirito originario della normativa sul risparmio energetico.

Se continuiamo così la certificazione energetica, ahinoi, diventerà l’ennesima scartoffia da compilare nell’atto dell’acquisto di un appartamento. Scartoffia, almeno questo, venduta a prezzo decisamente modico.

Share Button
Trackbacks Commenti
Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.