Il marchio Ecolabel

EU EcolabelL’Ecolabel (Regolamento CE n. 1980/2000) è il marchio europeo di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori dal punto di vista ambientale, con particolare attenzione all’efficienza energetica, alla riduzione dei rifiuti e alla protezione della biosfera.

Esso consente ai prodotti che superano l’iter di validazione di esporre il logo identificativo, dando al cliente la percezione immediata della sostenibilità ambientale di un bene o servizio. Lo strumento infatti fonda la sua azione sul concetto di Comunicazione Ambientale (Green Marketing): la visibilità del logo permette al consumatore di distinguere tra un prodotto eco-sostenibile ed uno meno attento alla salvaguardia ambientale, premia inoltre l’azienda certificata consentendole di distinguersi dai concorrenti.

Chi sceglie i prodotti Ecolabel ha un impatto diretto sul meccanismo di domanda e offerta, guida il mercato verso una maggiore consapevolezza ambientale e incoraggia le imprese verso un miglioramento ambientale continuo.

L’ottenimento del marchio avviene su base volontaria e richiede il rispetto di precisi standard ambientali, variabili di volta in volta a seconda della categoria di prodotti o servizi interessata.

 Il marchio Ecolabel è stato introdotto nel 1992, da allora ha conosciuto un forte sviluppo

Il marchio Ecolabel è stato introdotto nel 1992, da allora ha conosciuto un forte sviluppo

Rispetto ad altri sistemi di certificazione è molto meno gravoso in termini di studi e analisi cui sottoporre il bene o il servizio, in quanto già a monte della definizione dei criteri è stato svolto dalla UE un corposo lavoro di studio degli impatti ambientali. Per ogni categoria di prodotto è stato infatti stilato uno studio LCA (Life Cycle Assessment – Analisi del ciclo di vita) che ha permesso di evidenziare i passaggi più dannosi dal punto di vista ambientale.

Ad esempio, per la categoria “calzature”, si è constatato che i maggiori impatti ambientali si hanno nella fase di lavorazione dei materiali: di conseguenza i criteri per l’ottenimento del marchio sono focalizzati su questa fase, limitando l’utilizzo di sostanze chimiche inquinanti. Al contrario, per la categoria “apparecchi elettronici” si è riscontrato che il maggiore impatto sull’ambiente si ha in fase di utilizzo, e quindi i criteri sono più orientati ad individuare delle soglie minime di efficienza o tetti massimi per quel che riguarda il consumo in modalità stand-by.

Se da una parte questa procedura accetta una certa perdita di dettaglio nell’analisi dello specifico prodotto, d’altro canto abbatte i costi da sostenere, rendendo più accessibile l’ottenimento del marchio anche alle piccole imprese. In tal modo, inoltre, sono garantite la trasparenza e la credibilità del marchio: questo aspetto è assolutamente fondamentale visto che l’intero sistema dell’Ecolabel si basa sul rapporto di fiducia tra consumatore e produttore.

Se sei interessato e vuoi conoscere i nostri servizi nell’ambito della certificazione Ecolabel, visita il nostro sito!

Share Button
Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.