Proroga detrazioni IRPEF 65%: quali interventi e tempistiche

La legge di stabilità 2014 prorogherà gli incentivi alle detrazioni fiscali per la riqualificazione del patrimonio edilizio.

Tra gli interventi che potranno accedere alle detrazioni rientrano quelli relativi all’incremento dell’efficienza energetica, nonché quelli per le ristrutturazioni.

A queste ultime è equiparata anche l’installazione di impianti fotovoltaici domestici, cioè quelli al servizio delle abitazioni e con potenza fino a 20 kW.

Per gli interventi di ristrutturazione quindi, le detrazioni IRPEF sono:

  • 50%: fino al 31 dicembre 2014;
  • 40%: fino al 31 dicembrre 2015;
  • 36%: dal 1° gennaio 2016 in poi.

Gli interventi di riqualificazione energetica invece, sono quelli tesi alla:

  • Riduzione del fabbisogno energetico dell’edificio;
  • Installazione di impianti a fonti rinnovabili;
  • Sostituzione degli impianti di riscaldamento e degli scaldacqua con generatori di calore ad alta efficienza;

(altro…)

Conto termico: un incentivo per risparmio energetico e rinnovabili termiche

Recentemente, col decreto firmato il 28/12/2012 (Conto Termico) congiuntamente dai Ministeri dello Sviluppo Economico, dell’Ambiente e delle Politiche Agricole, è stato introdotto un radicale cambiamento nell’incentivazione di soluzioni orientate al risparmio di energia termica in tutte le sue forme.

Finora infatti, mentre la produzione di energia elettrica fotovoltaica godeva di corposi contributi (Conto Energia), la produzione o il risparmio di energia termica si avvalevano solo del rimborso del 55% della spesa sostenuta; questo però avveniva con modalità tali da non rendere particolarmente appetibile il ricorso a questa forma di incentivo: il rimborso infatti era nella forma di una detrazione IRPEF, per di più dilazionata su un ampio periodo (10 anni).

Il nuovo Conto Termico stanzia 900 milioni di euro annui per gli incentivi: 700 milioni per i privati e 200 per le pubbliche amministrazioni.

Le sovvenzioni andranno a coprire fino al 40% delle spese sostenute per l’impianto. L’importo sarà suddiviso in rate annuali (con durata di 2 o 5 anni, a seconda del tipo di intervento), versate direttamente sul conto del proprietario dell’impianto dal GSE(Gestore Servizi Energetici).

I destinatari dell’incentivo sono specificatamente i piccoli interventi: per ogni categoria tecnologica c’è infatti un tetto massimo all’incentivo che esclude investimenti di tipo speculativo (che hanno invece contraddistinto l’accesso al Conto Energia fotovoltaico).

Gli interventi di incremento dell’efficienza energetica incentivabili per le Amministrazioni Pubbliche riguardano i seguenti interventi (tra parentesi la durata dell’incentivo, che è in rate annuali costanti):

  • Isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato (5 anni);
  • Sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato (5 anni);
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti utilizzanti generatori di calore a condensazione (5 anni);
  • Installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti (5 anni).

(altro…)

E’ arrivata l’estate… è tempo di solare termico!

Festeggiamo l’inizio ufficiale dell’estate presentando un interessante tecnologia “balneare”… quella del collettore solare termico non vetrato.

Consigliamo questa tipologia di collettori per utenze prettamente estive come camping, alberghi stagionali e stabilimenti balneari, poiché per il loro funzionamento ottimale sono richiesti buoni livelli di insolazione e temperature esterne elevate.

Gli impieghi ideali di questa tecnologia sono infatti nel campo del riscaldamento per piscine, della produzione di acqua calda sanitaria per docce esterne e altri usi a bassa temperatura, consentendo l’annullamento del consumi di combustibili fossili.

I pannelli non vetrati sono realizzati esclusivamente in materiale plastico di colore scuro (generalmente PVC), privi di isolamento termico e copertura trasparente: questo comporta una riduzione dei costi del 50-55% rispetto ai tradizionali collettori solari piani vetrati e una messa in opera rapida e immediata dell’impianto (gran parte della componentistica è realizzata in materiale plastico). Normalmente la realizzazione di questi pannelli è a “stuoia”, il che li rende facilmente avvolgibili qualora si volesse riporre al riparo da agenti atmosferici l’impianto alla fine della stagione estiva.

In chiusura, un ultimo vantaggio: il rendimento dei collettori solari non vetrati, cioè la frazione di energia proveniente dal Sole effettivamente convertita in energia utile dall’impianto, è addirittura maggiore rispetto le altre tipologie di collettori solari termici nelle condizioni di funzionamento estive. Questo perché la tecnologia in esame presenta bassissima resistenza termica e ostacoli nulli per la radiazione solare, non essendo progettata per lavorare nelle più estreme condizioni invernali.

EquiWatt realizza impianti solari termici chiavi in mano, contattaci per informazioni e per la richiesta di un preventivo gratuito.

Solare termico e strutture ricettive.

Abbiamo da poco ultimato la realizzazione di un impianto solare termico per un’abitazione ad uso prevalentemente estivo in una splendida località balneare del Tirreno.

L’impianto a circolazione forzata è composto da 3 collettori solari piani orizzontali, per una superficie captante totale di 7,5 m², ai quali è stato abbinato un serbatoio da 500 litri. Questa soluzione consente la produzione di acqua calda sanitaria per almeno 11-14 persone nel periodo estivo, con una produzione minima garantita sufficiente per 8 persone durante i mesi invernali.

Il risparmio energetico ed economico è evidente se si pensa che il sistema solare in oggetto è installato in sostituzione a scaldabagni elettrici, una scelta quasi obbligata in una zona non ancora raggiunta dalla rete di gas naturale.

In generale, tutte le strutture ricettive turistiche (alberghi, B&B, case estive, campeggi…) rappresentano un ambito di applicazione davvero interessante per la tecnologia del solare termico. Questa tipologia di impianti consente infatti di coprire percentuali molto alte del fabbisogno legato alla produzione di acqua calda per docce, cucine e tutti gli usi igienico-sanitari, garantendo un immediato risparmio energetico.

Un buon dimensionamento dell’impianto consente, infatti, la copertura integrale del fabbisogno estivo, riducendo di almeno il 70% i consumi su base annua per la produzione di acqua calda sanitaria.

Il 55% della spesa sostenuta per la realizzazione dell’impianto e delle eventuali opere annesse può inoltre essere recuperata come riduzione del reddito IRPEF in 10 anni.

EquiWatt s.n.c. è in grado di offrire un servizio chiavi in mano, assistendo il cliente nella scelta del tipo di impianto, nella sua progettazione e realizzazione. Su richiesta offriamo la nostra competenza e professionalità anche per la gestione e la manutenzione dell’impianto, con il fine di garantirne una vita utile di almeno 30 anni.

Contattaci per maggiori informazioni e per ottenere un preventivo gratuito.

Impianto riscaldamento combinato solare termico + termocamino

Abbiamo realizzato il nostro primo impianto combinato per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento ambienti presso una villetta mono-familiare di due piani a L’Aquila (AQ).
Il 75% dell’energia richiesta dalle utenze verrà fornita tramite termocamino a legna e collettori solari sotto vuoto, con una distribuzione del calore agli ambienti mediante pavimento radiante.
L’impianto è dotato comunque di una caldaia a condensazione ad alta efficienza, consentendo al cliente un notevole risparmio in bolletta.
Gran parte degli interventi in oggetto sono da considerare come attività legate al risparmio energetico e alla razionalizzazione dei consumi e sono incentivate per il 55% della spesa sostenuta, come riduzione del reddito IRPEF in 10 anni (per maggiori informazioni visita la pagina dedicata sul nostro sito ufficiale)